top of page
  • Immagine del redattoreDamiano Furlan

23 x 73 - Il messaggio di Arecibo

Uno dei desideri più grandi dell'essere umano è quello di sapere se siamo o no soli nell'universo.

I radiotelescopi sono fondamentali per la ricerca

Sebbene, ad oggi, non disponiamo ancora di una risposta definitiva, gli scienziati, in più di un'occasione, hanno tentato di comunicare con questi presunti esseri extraterrestri.

Uno dei tentativi più noti è sicuramente quello del messaggio di Arecibo...


Il radiotelescopio

Il radiotelescopio di Arecibo, situato a Porto Rico, è stato, nel corso della storia, uno dei più importanti e famosi radiotelescopi al mondo (oggigiorno, a causa di gravi danni strutturali, è stato definitivamente chiuso).

Uno dei motivi principali per cui questo radiotelescopio divenne così famoso è perché, proprio da esso, il 16 novembre 1974, gli scienziati lanciarono un messaggio radio nello spazio interstellare.


Il destinatario del messaggio

Il destinatario di questo messaggio radio era l'Ammasso Globulare di Ercole (noto anche come M13), distante da noi oltre 20.000 anni luce.

Tale messaggio, realizzato da Frank Drake e altri, venne inviato, fra le varie motivazioni, con la speranza che venisse captato, tradotto e magari compreso da qualche civiltà extraterrestre.

Tuttavia, tale impresa si rivela essere estremamente ardua... 


Il messaggio

Il messaggio, scritto in codice binario (composto quindi unicamente da 0 e 1) contiene in totale 1679 cifre (numero selezionato poiché originato dal prodotto dei due numeri primi 23 e 73), le quali devono essere disposte, appunto, in 23 colonne e 73 righe. Una volta disposte in questo modo, non basterà fare altro che accendere i numeri 1 e spegnere gli 0, in modo tale da ottenere le figure come da immagine.


Il contenuto

Il messaggio di Arecibo contiene moltissime informazioni,  dall'alto verso il basso presenta:

- Rappresentazione binaria dei numeri 1-10;

- I numeri atomici degli elementi che compongono il DNA;

- Gruppi chimici che compongono i nucleotidi del DNA;

- Il numero delle coppie di basi nucleotidiche del genoma umano;

- Rappresentazione della struttura a doppia elica del DNA;

- Rappresentazione grafica dell'essere umano, con informazioni sulla altezza media e sul numero della popolazione mondiale;

- Rappresentazione grafica del Sistema Solare;

- Rappresentazione grafica del radiotelescopio di Arecibo, luogo dal quale il messaggio è stato lanciato;

- Dimensioni dell'antenna trasmittente.


Dopo di noi

Il messaggio inviato dagli esseri umani verso M13 molto probabilmente non verrà mai captato da alcuna specie intelligente.

Più che un vero tentativo, questo messaggio appare come un simbolo, un segno della nostra presenza lanciato nello spazio interstellare.

Un qualcosa che resterà anche dopo la nostra scomparsa, da qualche parte là fuori, un segno che possa donarci una, seppur blanda, immortalità.

Un segno della nostra esistenza per quelli che verranno dopo di noi, ovunque essi siano...


Fonti:


34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page